0Followers

DESTINAZIONI TOP

Mail: inirpinia@gmail.com

SALE

Summonte

La grangia di S. Maria del Preposito è l’elemento di maggiore rilevanza nel territorio di Summonte. La sua attestazione più antica risale al X secolo. Ceduta in permuta all’abbazia di Montevergine intorno al 1174 diviene, a partire dal 1229, il nucleo di aggregazione del nuovo casale verginiano di Fontanelle. Sono strutture monastiche come queste a promuovere la progressiva trasformazione del paesaggio agricolo in un razionale sistema produttivo.

Si diffondono in questa zona le colture del castagno, della vite, dell’ulivo e del nocciolo, insieme a colture particolari come quelle del lino e soprattutto del gelso. Le fondazioni ecclesiastiche favoriscono, inoltre l’accentramento abitativo. In tale contesto di inserisce la penetrazione normanna verso la fine del XI secondo con fini di controllo strategico del territorio.

Nel caso di Summonte sembra questa la ragione delle scelta ubicativa del castello e della fortificazione del casale.

Quest’ ultimo potrebbe essere stato, prima di questa fase, non il più significativo della zona, dal punto di vista demografico. L’elemento superstite di tale sistema di fortificazioni è la torre cilindrica a base tronco-conica (fine sec. XIII inizi sec XIV)

Shares
error: Content is protected !!