0Followers

DESTINAZIONI TOP

Mail: inirpinia@gmail.com

SALE

Monteverde

Monteverde, piccolo borgo ai confini tra Campania, Lucania e Puglia, lo troviamo su una dorsale tra il Fiume Ofanto e la Valle dell’Osento, incastonato tra il Lago San Pietro e i Monti dell’Appennino.

Sorge su tre colli di arenaria: Serro della Croce, Serro dell’Incoronata, Serro del Castello, dai quali si riesce ad ammirare il massiccio dei Picentini, il Vulture e persino il golfo di Manfredonia nei giorni più limpidi.

Il nome deriva da Castrum Montis Viridis in riferimento al monte ricco di vegetazione su cui sorge il paese. Le origini del paese ci riportano al Medio Evo, ma una vasta cinta muraria fortificata attesta che vi si erano già stanziati i Sanniti. Colonizzata poi dai Romani che ci hanno lasciato un ponte noto come “Ponte Pietra dell’Oglio”, inizia a spopolarsi dopo la caduta dell’ impero (476 d.C.) e soprattutto durante le guerre goto-bizantine.

Nel VI secolo d.C. furono i Longobardi ad edificare i primi torrioni (donjon) recintati a difesa dei confini del Ducato di Benevento. Il borgo invece sorge nel Medioevo, le prime testimonianze certe arrivano da una pergamena datata 897, conservata oggi nel museo di Barletta, che attesta l’ esistenza di una fortezza militare chiamata “Castrum Montis Viridis” sul Serro del Castello.

Nel 1160 Monteverde divenne sede vescovile, e tale fu fino al 1531, quando Clemente VII la fuse con l’ arcivescovato di Barletta.

Dal 1532 al 1641 costituì la Signoria di Monteverde per i Grimaldi Principi di Monaco Marchesi di Campagna. Fu poi di proprietà dei Caracciolo. Messo in vendita da Carlo II di Spagna nel 1695, fu acquistato dal Barone Michele Sangermano. Il paese appartenne a questa casata fino al 1806 quando furono aboliti i diritti feudali.

Curiosità

Dal 22 ottobre 2013 Monteverde è entrato ufficialmente a far parte del Club “I Borghi più belli d’Italia”, che raccoglie piccoli centri italiani di spiccato interesse artistico e storico. Inoltre, si è classifica al secondo nell’edizione 2015 de “Il borgo dei Borghi” realizzato dal programma televisivo Kilimangiaro.

Shares
error: Content is protected !!